FAQ Normativa Inclusione

Tags

Torna
Print

C’è l’obbligo di frequentare un minimo di ore settimanali?

Gd5

Sono la mamma di XXX della classe 3 scuola XXXXX chiedevo gentilmente se sapete darmi questa informazione: un bambino con disabilità, ha l’obbligo di frequentare un totale di ore settimanali scolastiche? Oppure come nel mio caso, che preferisco prenderlo prima quando c’è rientro, e quindi fa 24 ore al posto di 28 (perché anche il venerdì esce prima per logopedia) è un problema? Perché lasciarlo il giorno di rientro fino alle 16 e trovare il bimbo stanchissimo, lo trovo un controsenso. Però a scuola tendono ad insistere che sia peccato che io vada a prenderlo prima. Ma io non lo trovo giusto.

Il limite massimo di assenze da non superare ai fini della promozione non vale per la scuola primaria e anche nella secondaria si può comunque derogare in vari casi.

In caso di disabilità tutto il servizio scolastico va adattato in base ai bisogni e, tra i tanti aspetti che possono essere personalizzati c’è di sicuro anche l’orario di frequenza.

Se la variazione è permanente è importante che sia formalizzata nel PEI e concordata come orario abituale dell’alunno. In questo caso non solo le ore in meno non verrebbero più conteggiate come assenze, ma la scuola potrebbe organizzarsi utilizzando in modo corretto le risorse a disposizione che rischierebbero altrimenti di rimanere sottoutilizzate.

Mi sembra di capire che la scuola non si stia opponendo all’orario ridotto ma abbia una diversa valutazione sull’opportunità di questa scelta. La questione va discussa e concordata assieme, meglio se in sede di GLO, ma di sicuro il parere dei genitori va tenuto in considerazione.

Precedente Alunni sempre assenti in alcune discipline
Successivo Chi decide le ore di frequenza dell’alunno?