FAQ Normativa Inclusione
Torna
Stampa

Comportamento generalmente adeguato ma rifiuta qualsiasi attività didattica.

Hi7

Seguo un ragazzino con diagnosi di DOP, ADHA, DSA secondari e depressione maggiore. A scuola, da quando ha cominciato le medie, ha un comportamento generalmente adeguato. 2 settimane fa, durante un’ora di lezione in cui era scoperto, ha scattato una foto ad un professore e poi l’ha pubblicata su Instagram. Domani ci saranno i consigli di classe per decidere come sanzionare questo suo gesto. Alcuni colleghi suggeriscono di non portarlo in gita, altri di sospenderlo con obbligo di frequenza e fargli fare dei “lavori socialmente utili” a scuola. Altri di sottoporgli dei materiali didattici relativi alla regolamentazione dell’uso del cellulare a scuola e soprattutto dell’uso dei social network. Lei può darmi un consiglio? Io sono in grande difficoltà perché dall’inizio dell’anno lui ha rifiutato la mia presenza e, nonostante il comportamento relativamente accettabile, lui si rifiuta di fare qualsiasi attività didattica, sia a scuola che a casa.

È molto difficile dare consigli sensati senza conoscere il ragazzo. Io più che dall’episodio della foto su Instagram sono rimasto colpito dalla sua affermazione finale: «si rifiuta di fare qualsiasi attività didattica, sia a scuola che a casa».

Penso sia praticamente impossibile che un ragazzo a scuola non faccia nulla: se non svolge attività didattica farà dell’altro, e la fotografia forse risulta alla fine il male minore. Bisogna riuscire a dare un senso positivo alla sua giornata scolastica, altrimenti vedo tutto molto a rischio.

La punizione per un alunno con disabilità deve essere sempre riferita al suo PEI, non può seguire criteri standard. È questione di efficacia e buon senso, ma anche di normativa. DPR 122/09 art. 9 c. 1: «La valutazione degli alunni con disabilità … è riferita al comportamento, alle discipline e alle attività svolte sulla base del piano educativo individualizzato». Quindi anche la valutazione del comportamento va riferita al PEI, non agli standard generali.

Non credo sia opportuno punire un ragazzo con una diagnosi di questo tipo che ha un “comportamento generalmente adeguato”. Fategli capire in altro modo che ha sbagliato.

Precedente Chiedere alla famiglia di un bimbo particolarmente violento di non portarlo più a scuola
Successivo Durante gli episodi di rabbia manifesta una violenza “cieca”

FAQ – ACCESSO RAPIDO PER ARGOMENTI

Table of Contents