FAQ Normativa Inclusione
Torna
Percorso di ricerca e navigazione
Stampa

A chi spetta accompagnarlo nella propria classe?

Scuola Primaria, alunno con gravità con assistente educativo.
Al mattino, a chi spetta accompagnarlo nella propria classe? Al collaboratore scolastico o all’assistente educativo?

Perché non agli insegnanti?

Secondo il contratto di lavoro tra i compiti dei collaboratori scolastici c’è anche l’ausilio materiale agli alunni con disabilità nell’accesso alla scuola, ma questo non significa che solo loro lo possano fare.

L’accoglienza e l’accompagnamento in classe non è solo assistenza, ma ha anche una forte connotazione educativa per cui né educatori né insegnanti possono automaticamente chiamarsi fuori.

Si deve ragionare sempre in termini di qualità del servizio e di bisogni, esaminando pro e contro di ogni soluzione proposta.

La differenza principale di solito è che i collaboratori sono sempre presenti mentre educatori e insegnanti possono avere orari diversi. Se per l’alunno è meglio conservare routine stabili forse è meglio incaricare sempre i collaboratori, se la variabilità può essere vissuta come un elemento positivo, meglio cambiare e coinvolgere anche assistente o insegnanti.

In ogni caso se ne discute, senza appellarsi rigidamente a un mansionario che non può essere mai rigido anche perché abbiamo a che fare con bisogni e situazioni tra loro diversissime, di cui per forza dobbiamo tenere conto.

In caso di conflitti o contestazioni, l’argomento va affrontato nel GLO e inserendo nel PEI le decisioni organizzative prese.

Precedente * A chi spetta l’assistenza?
Successivo A chi tocca accompagnarlo al pullman?

FAQ – ACCESSO RAPIDO PER ARGOMENTI

Table of Contents