FAQ Normativa Inclusione
Torna
Stampa

È possibile usare la calcolatrice senza essere discalculico?

Ha2

È corretto negare lo strumento della calcolatrice ad un alunno con certificazione F81.0 (disturbo specifico della lettura) perché non è discalculico, anche se nella diagnosi viene espressamente evidenziato che nello svolgere le operazioni richiede l’uso di tavole pitagoriche e che ha difficoltà nel recupero dei risultati delle tabelline?

Gli strumenti compensativi “sollevano l’alunno o lo studente con DSA da una prestazione resa difficoltosa dal disturbo senza facilitare il compito dal punto di vista cognitivo ” (Linee Guida DSA MIUR 2011). Vanno considerati un atto di equità che ha lo scopo di compensare (ossia di “bilanciare”) un disturbo. Come per tutti gli “strumenti”, principale criterio di scelta e valutazione è l’efficacia: se funzionano, ed effettivamente sollevano l’alunno, non ha senso togliere questa opportunità.

Non ha senso neppure collegare rigidamente gli strumenti compensativi ai vari disturbi: ai dislessici solo strumenti per leggere, ai disgrafici per scrivere, ai discalculici per calcolare… ma i criteri devono essere globali e funzionali. Un alunno dislessico ad esempio può compensare con la calcolatrice il fatto che la lettura delle consegne richiede a lui più tempo, e quindi eseguire così i calcoli più velocemente. In ogni caso si considera solo l’efficacia: se funzionano (e sono veramente strumenti compensativi, non facilitazioni o dispensa) non si possono vietare.

Precedente Alunno con BES con un eccessivo numero di assenze
Successivo È vero che i BES non esistono più?

FAQ – ACCESSO RAPIDO PER ARGOMENTI

Table of Contents