FAQ Normativa Inclusione
Torna
Stampa

* Nuove procedure per la certificazione

Aa4

Desidererei capire meglio quanto previsto dal decreto 66/17, e relative modifiche, in merito all’accertamento della disabilità ai fini dell’inclusione scolastica. La normativa prevede che sia un’unica commissione ad accertare la disabilità? Nello specifico la commissione per l’invalidità civile integrata dalle figure a cui si fa riferimento o sono possibili anche 2 commissioni diverse? Una per l’invalidità l’altra per l’inclusione scolastica? Inoltre, in presenza di un’unica commissione, è possibile avere l’invalidità senza sostegno o il sostegno senza invalidità? Pongo questa domanda perché nella regione in cui vivo attualmente ci sono 2 commissioni separate. L’indirizzo politico è quello di creare una commissione unica integrata per poter avere l’invalidità più il sostegno a scuola o invalidità senza necessità di sostegno. Il dubbio è, invece, se in presenza di una diagnosi sia possibile richiedere solo sostegno, ma senza invalidità (mi riferisco ad alcuni casi borderline in cui il contesto scolastico necessita di risorse umane per favorire l’inclusione, ma i genitori rifiutano l’invalidità).

La nuova normativa prevede, per l’accertamento della disabilità dei soggetti in età evolutiva, due fasi contestuali, ad opera però della stessa commissione medica:
A) la prima riguarda genericamente la certificazione di disabilità: le procedure sono le stesse degli adulti, cambia la composizione della commissione medica. DL 66/17 art. 5 c. 2/a.;
B) la seconda prevede che, su richiesta dei genitori, la stessa commissione possa rilasciare “l’accertamento della condizione di disabilità in età evolutiva ai fini dell’inclusione scolastica”. DL 66/17 art. 5 c. 2/b.
In sostanza con il primo accertamento si riconosce in generale la situazione di gravità valida ad esempio per i permessi lavorativi dei genitori, provvidenze economiche e altro. Con il secondo accertamento il minore ha diritto al sostegno e a tutto quello che riguarda la scuola.
La doppia certificazione non dovrebbe comportare nessun onere in più per le famiglie perché quella scolastica è rilasciata contestualmente, in base alla stessa documentazione e ad opera della stessa commissione.

Stiamo parlando di procedure che non sono ancora applicabili perché siamo in attesa di un decreto attuativo specifico sull’accertamento della condizione di disabilità in età evolutiva ai fini dell’inclusione scolastica. DL 66/17 art. 5 c. 6/a.
Inevitabilmente le varie normative regionali si dovranno adeguare.

Successivo Certificazione L. 104 per disturbo del comportamento alimentare.

FAQ – ACCESSO RAPIDO PER ARGOMENTI

Table of Contents