FAQ Normativa Inclusione

Tags

Torna
Print

Obiettivi nel PDP: fino a che punto si possono personalizzare?

Db7

Chiedo se mi può dare indicazioni in merito alla compilazione del PDP per alunni con Disturbi Specifici dell’Apprendimento, in particolare per quello che riguarda la definizione degli obiettivi. Cosa significa “Individuazione di eventuali modifiche all’interno degli obiettivi disciplinari per il conseguimento delle competenze fondamentali”? Se un bambino con dislessia/discalculia frequenta la classe quarta, ad esempio, posso definire per lui obiettivi di classe terza?

Il DM 5669/11, decreto attuativo della L. 170, art. 4 comma 2, dice: «I percorsi didattici individualizzati e personalizzati articolano gli obiettivi, compresi comunque all’interno delle indicazioni curricolari nazionali per il primo e per il secondo ciclo, sulla base del livello e delle modalità di apprendimento dell’alunno e dello studente con DSA, adottando proposte di insegnamento che tengano conto delle abilità possedute e potenzino anche le funzioni non coinvolte nel disturbo».

Ossia: gli obiettivi sono sostanzialmente gli stessi (“all’interno delle indicazioni nazionali”) ma sono le modalità di insegnamento che vanno personalizzate. Ricordiamo infatti che il PDP dovrebbe descrivere quello che dovranno fare gli insegnanti, non quello che dovrà fare l’alunno. Ossia: come si insegna, non quanto si impara.

Ma per tutti gli alunni, non solo per i DSA, vale la regola che si insegna quello che si può imparare. Se un bambino è in quarta e non ha ancora raggiunto gli obiettivi di terza, ovviamente è su questi che dobbiamo lavorare. Questo non perché lo dice la Legge 170 ma perché l’apprendimento, volenti o nolenti, funziona così.

Precedente Niente PDP perché la certificazione è privata.
Successivo Se in alcune materie non servono strumenti compensativi