FAQ Normativa Inclusione
Torna
Stampa

Se in una materia gli obiettivi minimi non vengono raggiunti

Ia14

Quest’anno sto seguendo un’allieva certificata per la quale a maggioranza il consiglio di classe ha deliberato un PEI per obiettivi minimi. Gli obiettivi minimi sono stati raggiunti, anche grazie alle prove equipollenti, in quasi tutte le materie tranne in una. Il collega curriculare lamenta il fatto che l’allieva nella sua materia non mostra alcun interesse e che ha intenzione di non mutare la sua valutazione che è ampiamente insufficiente.
Come faccio a far capire al collega che il debito che lui vuole attribuire all’allieva per punizione creerebbe non pochi danni psicologici? Ho spiegato la situazione in tutti i modi ma dall’altro lato non si vuol sentire.

Se il collega ha messo in atto quanto concordato nel PEI, ma i risultati rimangono insufficienti, ha diritto a esprimere la sua valutazione negativa anche se dovrebbe secondo me riflettere su quel “non mostra alcun interesse”: per un insegnante la motivazione è sempre un obiettivo su cui impegnarsi, non un dato di fatto di cui semplicemente prendere atto.
Non necessariamente il debito deve essere vissuto come una punizione: può avere ricadute positive in termini di responsabilizzazione e crescita. Anche una promozione immeritata, solo in quanto disabile, può procurare dei danni.
Dipende molto da come la faccenda viene gestito dagli adulti.
La situazione va in ogni caso affrontata collegialmente da tutto il consiglio di classe.

Precedente Orario ridotto e valutazione
Successivo Se più insegnanti di sostegno seguono gli stessi allievi, voteranno tutti allo scrutinio?

FAQ – ACCESSO RAPIDO PER ARGOMENTI

Table of Contents