Archivi

DM 741 del 3/10/17 – Esame 1° ciclo

Esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione

Leggi il documento

Decreto applicativo del DLgs 62/17 di cui conferma tutte le indicazioni per i candidati con disabilità e DSA.
Neppure nominati gli altri alunni con BES.

Unica nota rilevante è la possibilità di esonero dall’esame della seconda lingua comunitaria per gli alunni stranieri di recente immigrazione che hanno utilizzato “le due ore settimanali di insegnamento della seconda lingua comunitaria per il potenziamento della lingua inglese o per potenziare l’insegnamento dell’italiano per gli alunni stranieri”. Art. 9 c. 4.

Nota min. n. 7885 del 9/5/18 – Esame 1° ciclo – Chiarimenti

Esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione. Chiarimenti.

Scarica il documento

Le indicazioni di questa nota del 2018, assai rigide rispetto ai candidati con BES non tutelati dalle L. 104 o 170, sono state corrette l’anno successivo con la nota n. 2936/19.

Qui si dice: «Per gli alunni con bisogni educativi speciali (BES) che non rientrano nelle tutele della legge n. 104/1992 e della legge n. 170/2010 non sono previste misure dispensative – peraltro non contemplate nemmeno dalla previgente normativa – né gli strumenti compensativi di cui alla nota 3 giugno 2014, n. 3587, superata dal nuovo quadro normativo. Tuttavia, la commissione, in sede di riunione preliminare, nell’individuare gli eventuali strumenti che le alunne e gli alunni possono utilizzare per le prove scritte, potrà prevederne l’uso per tutti gli alunni se funzionali allo svolgimento della prova assegnata.»

L’anno dopo gli strumenti compensativi torneranno ad essere ammessi.

DLgs 62 del 13/7/2017 – Valutazione

Norme in materia di valutazione e certificazione delle competenze nel primo ciclo ed esami di Stato, a norma dell’articolo 1, commi 180 e 181, lettera i), della legge 13 luglio 2015, n. 107.

Consulta il documento qui

Gli interventi per gli alunni con disabilità e DSA sono definiti nell’art. 11 per il secondo ciclo e 20 per il secondo.

Questo decreto interviene sulla valutazione periodica e finale del primo ciclo e sugli Esami di Stato, ma non sulla valutazione periodica e finale del secondo ciclo per il quale rimane in vigore il DPR 122 del 2009.

Anche per primo ciclo ed esami restringe rigorosamente la sua azione sugli alunni certificati con disabilità o DSA (L. 170/92 e L. 170/10) e questa ha comportato applicazioni discordanti verso gli alunni con altri BES nei primi anni di applicazione della norma, soprattutto nel primo ciclo per il quale il decreto è entrato in vigore già dal 2018, mentre per il secondo l’applicazione è stata più graduale.

Per il primo ciclo il decreto legislativo è stato seguito già nel 2017 da due DM, il 741 sull’esame e il 742 sulla certificazione delle competenze che rispetto all’inclusione non hanno detto nulla di nuovo.

Per l’esame degli alunni con altri BES ci sono stati invece posizioni diverse: la nota 7885 del 2018 nega ogni personalizzazione mentre la 5772 del 2019 ammette strumenti compensativi se i bisogni educativi speciali sono supportati da una diagnosi clinica. Nel 2020 e 21 il covid ha sconvolto l’abituale svolgimento dell’esame e la questione è passata in secondo piano.